Where is WYW

martedì 30 aprile 2013

Transiberiana/Transmongolica | Guida alla sopravvivenza


Il viaggio in transiberiana è pieno di sorprese e inconvenienti.È come stare sulle gambe di un padre ormai stanco con le ginocchia dinoccolate che mollemente ti fanno saltellare.Tossisce e procede lentamente. L'interno è vecchio, come l'esterno. Il bagno ha un che di sanitario nell'aspetto grazie al metallo, in realtà è una latrina con un rotolo di carta igienica che dovrà bastare per una settimana di viaggio per i 40 passeggeri in ogni carrozza. Fin dai primi giorni si sporcherà e finirà l'acqua finché l'unica cosa che rimarrà sarà l'ingegno umano.

Fuori dal finestrino, Transiberiana/Transmongolica, Russia-Mongolia-Cina, 2013




Cosa rimane dunque? ACQUA BOLLENTE! L'unico elemento presente e permanente con cui potrete sbizzarrirvi per la vostra sopravvivenza on board. Questa la troverete alla fine di ogni carrozza in taniche con erogatori, le noterete perché solitamente vengono prese d'assalto nei momenti di colazione, pranzo e cena.


Erogatore d'acqua, Transiberiana/Transmongolica, Russia-Mongolia-Cina, 2013

Nonostante questo bene prezioso a bordo, solo degli stolti come noi potevano portarsi da mangiare per un viaggio di 5 giorni in Transiberiana solo: pane, nutella e un pezzo di formaggio.
Dopo aver passato in rassegna il supermercato moscovita prima della partenza, per farci venire in mente cosa avremmo potuto mangiare a bordo ne usciamo con quelle tre cose nella speranza che fossero sufficienti.


 Street food,  Transiberiana/Transmongolica, Russia-Mongolia-Cina, 2013
La cose positiva, per chi come noi non si porta un granché, sono le forti donne che troverete ad alcune fermate ad aspettarvi sulla banchina con manicaretti fatti in casa come ravioli (Pelmeni) o uova. Ci sono inoltre dei baracchini stabili, ma questi tendono a sparire dopo i primi due giorni di viaggio. Dunque, tutto ciò che rimane è...la CABINA RISTORANTE....terribile, orribile e costosa senza nessuna motivazione. Non è una cosa su cui potete contare, ecco perché vi daremo qualche dritta per la vostra sopravvivenza alimentare e igienica:


Street food, Transiberiana/Transmongolica, Russia-Mongolia-Cina, 2013

-Cibi precotti, come noodles, di quelli che basta aggiungere l'acqua e il gioco è fatto (personalmente non li trovo buoni, ma i ragazzi Inglesi e Canadesi che hanno viaggiato con noi li hanno amati). Questi si possono trovare in speciali reparti del supermercato a Mosca e ancora di più in Mongolia.

Noodles istantanei, Transiberiana/Transmongolica, 2013

-Tè e bevande solubili con zucchero;
-Carne in scatola o salame;
-Biscotti e dolci a non finire (il viaggio è lungo e quando ci si annoia beh... lo zucchero è il migliore amico dell'uomo);
-Salatini, patatine e crackers;
-Posate e tazze;
-Fazzoletti e carta igienica;
-Salviette umide per il corpo;
-Acqua;
-Se trovate il modo per lavarvi i denti senza acqua...beh usatelo!

Questo è ciò che vi serve per rimanere coscienti e felici nel vostro lungo viaggio in Transiberiana/Transmongolica

Se avete altre idee o altre esperienze scrivetele qua sotto, potrebbero aiutare a completare l'articolo.

12 commenti:

  1. Sembra un film dell orrore avete avuto una grande forza siete davvero da ammirare ragazzi.Tanti abbracci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No alla fine è stata una bellissima esperienza :) basta essere un po' ingegnosi ; ) abbraccino

      Elimina
  2. Non so se avete mai visto "Il Dottor Zivago", ma quando nel film lui viaggia in treno con la famiglia per scappare nella sua dacia in campagna, la sua esperienza mi ricorda tanto la vostra: latrina sporca ma però un bidone sempre pieno di acqua bollente (nel film c'erano dentro delle patate, che non si sa come rimanevano intere aspettando di essere mangiate...). Comunque avete la mia ammirazione per il vostro coraggio nell'affrontare quelle lande :-). Ciao e godetevi il sole australe!

    Gian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Grazie Gian, come si fa a non dirti sempre che sei il migliore i tuoi commenti sono davvero pieni di carattere e informazioni, Grazie mille!!
      Purtroppo non abbiamo visto "Il dottor Zivago" ignoranti noi, forse ci sarebbe servito ;) Recupereremo.
      Abbraccione ;)

      Elimina
  3. I noodles istantanei mi hanno salvata in un sacco di situazioni! Io li trovo buoni e riempiono, ma immagino che per un viaggio così lungo la scorta deve essere bella fornita.
    Gran bel viaggio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima volta abbiamo detto anche noi...."Dai non sono male male".....ma dopo sole tre volte, lo stomaco e il gusto ci hanno insultato e avrebbero preferito la nutella per una settimana ahahah Bè tu si che sei un esperta, viaggiando in treno in Cina si impara subito ;)

      Elimina
  4. Grande ammirazione ragazzi. Ho veramente molta stima per il vostro modo di viaggiare, il vostro spirito di adattamento è invidiabile. Siete dei veri Viaggiatori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita Tiziana grazie mille così ci fai emozionare, le tue parole sinceramente mi riempiono il cuore Grazie davvero!
      Si ci adattiamo abbastanza bene, ma aspetta di conoscerci per farti raccontare due o tre storie in cui io (Irina) sono impazzita per gli scarafaggi che uscivano dal muro vicino al letto della cuccetta Danang-Saigon (Vietnam)....forse ti ricrederai ;)
      Grazie Tiziana di cuore

      Elimina
  5. Io sono schizzinosa, penso che non avrei resistito, no, no!
    Anzi, mi vengono i brividi solo a immaginarmi su un treno simile.
    Voi invece siete avventurosi e fate bene, una bella sfida per la quale vi stimo tantissimo, siete grandi davvero!
    Quei cibi precotti non mi attirano per niente, mi sembrano molto più invitanti i vostri consigli!
    Bacioni ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cibi preocotti a me (Irina) non sono piaciuti per niente niente niente niente....però è una soluzione per mangiare qualcosa di caldo :O Ti ringraziamo Miss anche se devi sapere che l'apice del viaggio l'abbiamo raggiunto quando entrava la neve dalle saldature della finestra della nostra cuccetta :)

      Elimina
  6. Ciao, sto pensando di organizzarmi da sola il viaggio Mosca- Ulan Batoor, da sola nel senso che partirei proprio da sola. Prima di decidermi però vorrei capire se è fattibile per una donna sola, quasi 60enne (questo viaggio è il regalo che morrei farmi per i miei 60 anni). Per esempio, sarebbe un problema dormire negli scompartimenti a 4 cuccette?
    Grazie in anticipo per i consigli,

    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina scusaci per il ritardo nella risposta. Il viaggio in se è un po' pesante ma se ben preparati (non come noi) si possono evitare tanti inconvenienti e il viaggio può risultare meno difficoltoso. Solo il fatto che tu voglia farlo significa che hai un'anima da avventuriera quindi non avrai grossi problemi di adattamento. Forse consigliamo di evitare i periodo invernale che ti obbliga ad avere attrezzatura ingombrante. Le cuccette non son un granché ma noi abbiamo incontrato persone molto interessanti con cui abbiamo condiviso un bel viaggio. Non credo sia un grosso problema, certo non nego che bisogna avere anche un pizzico di fortuna ad incontrare le persone giuste.
      Rinnoviamo le scuse per il ritardo e rimaniamo a tua disposizione per qualsiasi informazione!

      Elimina

Hai voglia di dire la tua agli amici WYW?
Lascia un commento nella casella qua sopra.
Dopo aver scritto ti basterà aprire la tendina che trovi dopo "commenta come".
Se non hai un account google, potrai scegliere tra due opzioni:
-Nome/Url: dove basterà compilare lo spazio inserendo il tuo nome
-Anonimo
Infine premi pubblica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...