Where is WYW

martedì 4 dicembre 2012

Elucubrazioni Vagabondiche


Vagabondi ci definiscono in molti, soprattutto tra i parenti e gli amici. Scopriamo tra queste parole rivolteci, una nota negativa.

Dopo aver annunciato il nostro definitivo Dream Project a tutti, eccoci qui, con l'amaro in bocca, ma cos'è veramente un vagabondo?
Colui che viaggia senza meta e per questo deve essere considerato un reietto della società?
Uno che non si conforma perché non vuole lavorare?
Una persona che inconsapevolmente fugge dalle conseguenze negative della vita?
Il vagabondo è colui che non sa bene cosa fare, molla tutti e tutto e se ne va?

Landscape by IlviaggiodiWYW



Per noi no di certo, ma tra le parole di chi conosciamo, le nostre scelte, di sicuro trovano risposta in una delle domande qua sopra. Mi chiedo se a volte non sia l'invidia che parli e si cieli dietro un frase tipica come “ se potessi lo farei...”. Frase a volte vincolante, come un figlio piccolo a carico, altre volte incomprensibile soprattutto se a dirla sono giovani ragazzi. Si, tra tutte queste elucubrazioni c'è quello che io penso sinceramente.

Allora aldilà di ogni connotazione negativa, che ci si vuole appiccicare in fronte: eccoci qua, noi siamo WYW, abbiamo il nostro progetto e siamo Vagabondi e il nostro modo di viaggiare è:
“rilevante per ogni individuo che pone l'enfasi sulla creatività, l'avventura, la consapevolezza, la semplicità, la scoperta, l'indipendenza, il realismo, l'autonomia e la crescita spirituale;Una scelta consapevole che rende possibile la libertà di viaggio” come ricorda Rolf Potts.

Tutto diviene complicato, quando si tratta di spiegare a qualcuno cosa hai dentro di te che ti muove nel fare una scelta piuttosto che un'altra. Una passione quando passa la soglia del hobby e diviene un motto di vita (si noti che non ho detto un lavoro) tutto cambia: il soggetto che ne è succube e le persone che gli stanno intorno. Non parliamo solo di viaggi, ma anche passioni come la musica e l'essere un musicista. Ma tra il dire di esserlo, volerlo veramente e mettere in gioco tutta la propria vita, passa un grande fiume. Il soggetto succube, nel senso più positivo che esiste, troverà questa via impervia ma gratificante. Niente è meglio che avere un proprio senso nella vita anche se questo è “rognoso” in certi momenti come alcuni rapporti di coppia.
La cosa più complicata in tutto questo è essere capiti, senza dover dire poi molto, le parole ad un certo punto diventano inutili, le persone si chiudono nei loro mondi e in un certo senso nei loro sensi di colpa di vita. Il discorso sarà più duro quanto queste persone siano impegnate nelle proprie introspezioni.

Sapete chi mi ha capito più di tutti? Senza provare invidie, senza provare disgusto e via dicendo...I miei genitori, coloro che mi hanno visto in un tormento continuo con me stessa, dovuto appunto all'essere un soggetto succube ancora chiuso in se stesso, dopo anni di viaggi e di prove da expat arriva il Dream Project e loro che dicono? lo sapevamo! E lo capiamo!
Questo non vuol dire che si eviterà di essere bombardati di domande: come?dove?quando?cosa? E via dicendo... ma sono pur sempre genitori e queste domande pensandoci bene le fanno ogni giorno per qualsiasi motivo.

La nostra decisione non è priva di paure, e questo è da ricordare a tutti coloro che pensano che il nostro sia un mondo rosa e felice. Non è una fuga, “è un'avventura e una passione: è il modo per vincere le proprie paure e vivere a pieno la vita”.

Le serie fotografiche dei WYW: cadute; sottocosto e i beduini

Forse tutte queste connotazioni negative derivano da una limitata visione del vocabolo viaggio, come mi ricorda Potts, che solitamente si rappresenta solo ed esclusivamente, statisticamente parlando (mondo occidentale), come una soggiorno breve di relax in posti solitamente esotici. Il viaggio è un'accessorio come un'altro.

Il viaggio come Vagabonding ricorda Potts “non è un atto di ribellione nei confronti della società, ma è un atto di buonsenso all'interno della società”, mi piace questa definizione, mi rendo conto di essere un po' troppo di parte, ma penso che questa frase possa benissimo applicarsi a qualsiasi passione che diventi più forte, che diventi un costante tuono dentro l'anima e che ci smuova finché non prenderemo solo quella via.
È solo un modo di vedere la vita, forse insolito e per questo etichettato, non è uno stile di vita o una moda, come spesso viene scambiato. È una voce dentro di noi che ci fa muovere i primi passi come se fossimo tornati bambini e ricominciando a capire e a nutrire la nostra mente.

La cosa che mi manda avanti in questi momenti, in cui prendo decisioni “folli”, nonostante le batoste che in tal campo ho preso, è la fiducia in me stessa, la voglia di scoprirmi di capirmi e rivoluzionarmi.
Continuamente insoddisfatta di me, non del mio paese, come molti pensano, ricerco il mio moto rivoluzionario. Si spera sempre un lieto fine, ma dalle esperienze che ho avuto (e probabilmente avrò) non è mai stato così e nonostante tutto sono sempre ritornata sulla mia via. Molti dicono che io sia recidiva e che forse ci sarà un motivo se non riesco a trovare il mio lieto fine, ma se tu sai qual'è il tuo strumento di felicità non è detto che tu sappia qual'è la strada giusta da prendere.
Sono fiduciosa anche nel pensare che se le cose andranno male io avrò la possibilità di cambiare, crescere e ridurre il dolore dopo l'essere stati scalfiti, perché come ricorda Thoreau, in Walden, dentro di noi incominceranno a sorgere leggi nuove.
“Se ci muoviamo con fiducia in direzione dei nostri sogni e ci sforziamo di vivere la vita che abbiamo immaginato, incontreremo un successo inaspettato nelle ore comuni. Ci lasceremo certe cose alle spalle, supereremo un confine invisibile: introno a noi e dentro di noi cominceranno a sorgere leggi nuove, universali e più liberali” .

La serie dei WYW: Le Cavallette Malefiche

Alcuni li chiamerebbero feedback positivi. Tutto questo è già una vittoria per me, già l'aver fissato il nostro Dream Project averne definito l'inizio è già tutto. Come disse Jack Kerouac Tutti eravamo felici, ci rendevamo conto che stavamo...compiendo la nostra unica e nobile funzione nel tempo, ANDARE” di questa frase noi ne facciamo il motto di WYW.

Infine ricordo ai più freddi, in un certo senso, che come ricorda Pico Iyer: “mollare tutto non significa rinunciare, ma andare avanti; cambiare direzione non perché qualcosa non va d'accordo con voi, bensì perché voi non andate d'accordo con qualcosa...Mollare qualcosa, che sia un lavoro o un'abitudine, significa svoltare e accertarsi di essere ancora in cammino verso i propri sogni”

Mi sono dilungata già troppo volevo condividere con voi la mia esperienza nell'essere “matta” e avere una passione che come ho già detto nella nostra presentazione ci porta alla “pazzia”.


♀ WYW

26 commenti:

  1. Mi piace da matti questo post Wyw.
    Ed io vi dico "per la stessa ragione del viaggio, viaggiare"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastica Giovy....come potevi mancare tu, poi con questa citazione ;)

      Elimina
  2. Cosa conta quello che dicono gli altri? Quali altri, poi? Certo che c'è un po' d'invidia, ho un po' di esperienza più di voi, non nei viaggi intorno al mondo ma nella vita, perché ho più anni, e di questo ne sono certissima. Non ti stupire, i rapporti umani a volte prendono strani risvolti senza che noi abbiamo fatto nulla per suscitare certe reazioni.
    E poi lo vedi? I tuoi genitori hanno capito e questo è bellissimo.
    Sento questo post profondamente tuo e vostro, è giusto che sia così.
    Non è un programma di viaggio ma un progetto di vita, vita vagabonda forse, e non vedo perché si dovrebbe leggere in questo termine un senso negativo.
    Un viaggio nel mondo è un viaggio dentro a se stessi, ha un inizio, a volte è faticoso, altre volte in discesa, ma poi c'è sempre un orizzonte e una meta, magari indefinita e questo è emozionante, tanto.
    Sai, leggendo il tuo post pensavo: tutto ciò mi ricorda qualcosa.
    Che cosa? Allora ho riletto il post e poi ancora e mi sono ricordata di un libro che ho qui, nel mio scaffale.
    E di una poesia di Stevenson, dal titolo The Vagabond.
    E quei versi:
    All I seek, the heaven above
    And the road below me.
    Ecco, sono per voi.
    Buona vita ragazzi!

    RispondiElimina
  3. Hai lasciato un bellissimo commento, anzi un bellissimo articolo nell'articolo. Sento di averti colpito e la cosa non può che farmi onore....sei una grande e io lo sostengo da quando ho conosciuto il tuo blog e il merito va a Giovy per questo ;)

    Per risponderti siamo molto sereni in quanto la nostra partenza, chi doveva capire ha capito e chi non ha capito...o capirà....o come dici tu i risvolti sono infiniti nelle relazioni umane e probabilmente sarebbe capitato comunque.

    Sono felice d'altro canto di avere i contatti con te e con molte altre persone con cui non ci vuole poi molto a capirsi e con cui speriamo prima o poi di avere a che fare nella vita o comunque speriamo di incrociare i vostri cammini.

    Le parole da te citate sono magnifiche nonché vere....le cose che contano ora sono assai poche e ci basta veramente pochissimo per sentirci bene.... siamo qui anche per condividere con voi, nella speranza che qualcuno venga a trovarci chissà dove ;)

    RispondiElimina
  4. Ragazzi le citazioni sono meravigliose, dette e scritte da persone che hanno sognato e soprattutto vissuto il sogno.

    Ma... siete voi la cosa importante, sono le VOSTRE parole, che in futuro diventeranno citazioni - forse solo vostre, ma che importa?

    Vi dicono vagabondi e lo intendono in senso negativo? Credetemi se vi dico che ci sono tante persone (tra cui il sottoscritto) che vi ammirano e credono abbiate una marcia in più.

    Vi ho conosciuto come travel bloggers ma siete qualcosa di diverso, quello che andrete a vivere rende ciò che faccio io un piccola cosa a confronto, e non lo dico per dire.

    Forza! Avete un sacco di spalle, anche solo virtuali, a cui appoggiarvi ma non ne avrete bisogno ;)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maestà siete mitico.

      Grazie di tutte queste bellissime parole, noi speriamo che con questo scritto chi non abbia trovato ancora la forza e sia ostacolato da tutti questi giudizi venga spronato attraverso la nostra esperienza, attraverso le vostre parole...perché nemmeno noi immaginavamo una schiera di persone che potessero capire ciò che muove un'anima vagabonda.

      Forse venire da una piccola città di campagna non ha giovato la situazione, ma questo di sicuro non ci ha mai fatto cambiare idea. La cosa bella e ce ne siamo accorti subito è aver incontrato persone come te, all'interno di tutto questo caos chiamato web, che ammiriamo molto. Una scoperta che è avvenuta tramite l'impero ViaggioVero.

      Ringraziarti per le parole che hai scritto è niente, e trovare citazioni per noi stessi è già tanto credici.
      Siamo felicissimi che tu possa pensare tutto questo e non sappiamo esattamente a cosa sia dovuto, ma l'importante ora è il poterti aspettare ovunque nel mondo perché sappiamo che un giorno ci raggiungerai con gioia.

      Elimina
  5. E come diceva Fernando Pessoa: I viaggi sono i viaggiatori.
    Ragazzi, voi siete il viaggio, l'avventura, la pazzia.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;) Grazie carissima Nadine siamo pazzi e come ci piace esserlo. Nel frattempo apprendo dal tuo blog il necessario per fare qualche foto con più creatività, mi servirà vedrai ;)

      Elimina
  6. Andare, andare, andare... bravi ragazzi. In bocca al lupo e che il sogno diventi presto una magnifica e vera realtà. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prestissimo prestissimo, ormai siamo agli sgoccioli ;) Silvia chissà mai che un giorno ci raggiungerai anche tu in viaggio...così potremo conoscerti visto che non ce ne è stata occasione a #iofacciorete ;)

      Elimina
  7. Lo spero, sarebbe davvero bello. Ma io voglio sapere anche i dettagli: prime mete? sapete se tornerete? io curiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora abbiamo lasciato le porte aperte ad ogni esperienza e persona che incrociando la nostra strada possa prolungare il nostro viaggio. Per le mete abbiamo deciso di svelare le cose tappa per tappa sul blog ti posso sicuramente dire la prima: India.....anche se per arrivare ci sarà di mezzo qualche peripezia ;)

      Elimina
  8. Ragazzi, se voi siete vagabondi dovete solo esserne fieri... spesso la gente non comprende cosa significhi inseguire i propri sogni o forse lo capisce ma non ha la forza di fare lo stesso e così non rimane che additarvi come diversi... ma quello che vi muove è la vostra fermezza di spirito, il vostro desiderio di scoperta e di rivoluzione... siamo persone e cambiamo continuamente, la rivoluzione è insita in noi ed ogni rivoluzione è personale... voi seguite la vostra strada, forse in pochi lo capiranno, ma quello che è davvero importante è che lo capiate voi...
    con affetto
    Vero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ne siamo fieri in un certo senso...siamo contenti di seguire i nostri istinti animali ;) ed è bello vedere tutti questi commenti incoraggianti ed è bello che tutto questo ci abbia portato a conoscere voi....secondo me siamo già partiti ;) siamo così entusiasti... incredibilmente fuori di testa che abbiamo voglia di portarvi tutti con noi. Ma cominceremo con il farvi visita prima di partire ;)
      Tu sei una forza della natura Vero...non avevo dubbi che la pensavi così ;)

      Elimina
  9. leggendovi, ragazzi... ho avuto un dejavu! Quanti sguardi dubbiosi, quante domande maliziose, quanti punti interrogativi nelle occhiate degli amici. Poi parti, viaggi e conosci decine di Vagabondi, centinaia di viaggiatori che hanno negli occhi quella stessa fiammella che brucia nei tuoi... basta uno sguardo per capirsi, come è bastato a me per capire che quella fiammella bruciava nei vostri occhi... lasciate agli altri la repressione dei propri sogni e non cercate di capire o di farvi capire. Lasciate agli altri l'invidia ed il rimorso... partite, evolvete, siate aperti ai mutamenti, accettate gli imprevisti e sfruttateli per scoprire, lasciatevi condurre senza voler imbrigliare il vostro tragitto dentro programmi inutili e buoni solo per i turisti... insomma ragazzi, godetevi il Viaggio! Oh, però prima passate a trovarci eh!:=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo smesso di spiegare alle persone che ci circondano i motivi per cui partiamo....le cose che ci muovono....ormai diciamo che partiamo e alcuni addirittura pensano che sia per vacanza, a volte diventa difficile e alcune discussioni sostenute ci hanno fatto capire che la gente non vuole ascoltare vuole solo parlare parlare parlare....

      Tutto questo è scomparso, come ho già detto...quando ho conosciuto gente come voi che come dici tu hanno la fiammella...tutto questo vale, ha valore...un valore passionale notevole...

      Tutte le porte nel nostro viaggio sono aperte....siamo aperti a tutto....ad ogni imprevisto ad ogni problema da risolvere... e perché no magari anche a qualche esperienza sportiva come ci insegnate voi ;)

      Certo che veniamo da voi prima, fateci organizzare le cose....ora che siamo a casa da lavoro abbiamo un milione di faccende burocratiche da sbrigare :)
      Grande Leo grazie di tutto

      Elimina
  10. Ragazzi complimenti.
    Seguite i vostri sogni fino in fondo,
    così un domani non avrete rimpianti.
    In bocca al lupo per tutto.
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Angela che crepi lupo....ti terremo aggiornata ;)

      Elimina
  11. Credo che sia stato detto tutto a proposito del seguire sempre quello che ci sussurra il cuore indipendentemente da quello che ci possono gridare contro gli altri...

    Volevo solo ringraziarvi perchè questa fra di Pico Iyer non la conoscevo... sarà una risposta sempre pronta a chi mi accusa di essere fuggito: “mollare tutto non significa rinunciare, ma andare avanti; cambiare direzione non perché qualcosa non va d'accordo con voi, bensì perché voi non andate d'accordo con qualcosa...”

    Vi aspetto qui ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati ci ha fatto piacere essere fonte di qualcosa di buono ;) anche se spero che non siano poi in molti ad accusarti di essere fuggito, è così bello tutto ciò che hai costruito li è così unico...però la frase calza a pennello :)

      Non vediamo l'ora di conoscerti Andre...aspettaci :)

      Elimina
  12. Grazie ... sognatori che alimentano sognatori... grazie davvero... le parole giuste al momento giusto... mentre mi chiedo se forse hanno ragione gli altri a dirmi che "devo trovare una strada" e loro non si riferiscono alla strada del viaggio, si riferiscono alla strada dell'etichetta con nome, cognome e professione... mentre rischio di ascoltare le mille voci che mi fanno sentire in colpa perché "voglio fare l'artista" come per dire che sono una sognatrice e nell'essere sognatrice c'è qualcosa - per loro - di malefico... GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parlavamo giusto ieri con altri viaggiatori....e siamo giunti ad una conclusione storica il diverso fa paura...niente è comprovato in questa vita, ogni via può essere quella giusta ogni via basta esserne convinti e provare il tutto per tutto, gli altri che parlino...parlerebbero comunque.


      “I'm not strange, weird, off, nor crazy, my reality is just different from yours.”
      Lewis Carroll

      Grazie per aver lasciato il tuo contributo qui da noi :) siamo felici se pur per un solo minuto abbiamo sollevato la tua anima ;)

      Elimina
  13. "Come diceva Calvino nell’Apologo, forse basterà «vivere la propria diversità, sentirsi dissimile da tutto il resto, e a questo modo si finisce per significare qualcosa di essenziale per tutti, essere immagine di qualcosa che le parole non sanno più dire…»."

    L'inizio di un mio post di qualche settimana fa!:)
    Poi scrivevo:

    Sto scrivendo questo post più per me stessa che per gli altri; per convincermi totalmente che il mondo è bellissimo anche se osservato dalla MIA prospettiva capovolta ed esserne talmente convinta da riuscire a far apprezzare questo concetto a chi è diverso di me. Mi scontro spesso con il dissimile che mi riporta con forza alla realtà; è come se stessi costantemente su una nuvola e qualcuno mi volesse legare al terreno perché la cosa giusta per la maggioranza è avere i piedi appoggiati sulla terra e quindi volare, per quanto meraviglioso, non è considerato nella norma. Se uno è aria, non può essere terra; può cercare di rimanere statico ma la sua volontà sarà sempre quella di fluttuare libero.

    :D bene! Detto questo che racchiude il mio pensiero, io vi auguro di fluttuare liberi per il mondo e aggiungo che io sn abbastanza pazza da appoggiare completamente, ammirare, sostenere, esaltare la vostra decisione :) e che probabilmente tra qualche mese verso l'estate io sarò dall'altro capo del mondo a farvi un fischio per invitarvi da me :) si, proprio laggiù dove i canguri saltano liberi! Siamo completamente pazzi ed è bellissimo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già proprio così "Se uno è aria, non può essere terra" il tuo post era estremamente bello :) Sono felice che tu sia passata di qui ci tenevo a farti leggere quello che ho scritto a posteriori dopo tutte le critiche e le facce di compatimento ricevute...spero che i nostri post uniti servano a chi non trova la forza per essere ciò che veramente è ;) http://travelupsidedown.blogspot.it/2012/12/you-say-you-want-revolution.html

      Credo che ci vedremo allora ci sono molti canguri che aspettiamo di salutare ;)

      Elimina
  14. Bellissimo questo pezzo!!
    chiunque ti abbia dato della stupida x cio che fai,
    sicuramente leggendo questo pezzo non sa` minimamente chi sono thoreau e kerouak!!!

    Vagabondo!! per vedere che cosa c`era al di la` del tuo mondo

    Fare un salto nel vuoto, come alice in wonderland..
    giu` per l`ignoto
    per inseguire uno stupido coniglio bianco col panciotto!
    per inseguire cio` che ti piace, cio` che ti diverte..
    per sfuggire alla noia di un libro senza figure..

    Per rendere speciale ogni singola cazzata che riesce ad immaginare!!
    E lasciami vivere la mia vita come c.... mi pare!!!!!

    RispondiElimina
  15. Bellissimo il tuo commento non il mio articolo soprattutto chiudendo con l'ultima frase hai fatto il botto! Credo che non ci sia frase migliore di questa, c'è gente che continua a pensare di sapere cosa tu debba avere dalla vita e non sanno neanche loro cosa vogliono dalla loro!!
    Grazie per la bellissima nonché poetica testimonianza!! :)

    RispondiElimina

Hai voglia di dire la tua agli amici WYW?
Lascia un commento nella casella qua sopra.
Dopo aver scritto ti basterà aprire la tendina che trovi dopo "commenta come".
Se non hai un account google, potrai scegliere tra due opzioni:
-Nome/Url: dove basterà compilare lo spazio inserendo il tuo nome
-Anonimo
Infine premi pubblica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...