Where is WYW

martedì 27 novembre 2012

Skansen | Passeggiando tra cultura e tradizione svedese


Solitamente un museo viene inteso come un luogo chiuso in cui vengono gelosamente custoditi oggetti di rilevanza storica ammirabili attraverso uno spesso vetro protettivo.
Lo Skansen pur essendo un museo non è nulla di tutto questo. Aprendo i battenti nel 1891 in quel di Stoccolma si è aggiudicato il premio di più antico museo all'aperto del mondo.

Skansen, Stoccolma, Svezia, Agosto 2008


Qui si trovano cimeli all'interno di teche, non vi sono allarmi e l'interazione con la storia è un gioco spontaneo. Benché le caratteristiche generali ricollegabili a uno spazio espositivo in questo caso manchino lo Skansen rispetta l'obbiettivo principale di un museo: conservare la tradizione.

Lo Skansen è nato per mostrare a tutti com'era la vita della provincia prima dell'industrializzazione.
Oltre a trovare persone che vestono gli abiti tradizionali svedesi è possibile anche ammirare gli artigiani che svolgono la propria attività con gli strumenti e i metodi usati nel periodo preindustriale in un ambientazione del tutto naturale. Infatti ci troviamo su di una collina poco fuori dal centro sull'isola di Djurgarden, qui la natura si fonde completamente con la scenografia creando l'illusione magica della storia.

Skansen, Stoccolma, Svezia, Agosto 2008

Guardando il panettiere, il vetraio o i musicisti che si dilettano nei loro antichi mestieri il visitatore grazie all'aiuto della cornice storica verrà catapultato in un era che non gli appartiene comprendendo facilmente la storia svedese come forse non se l'aspettava.


Un vero e proprio villaggio costituito da circa 150 abitazioni tipiche dove è possibile anche acquistare quello che gli artisti producono. Ovviamente è d'obbligo l'acquisto di un piccolo panino appena sfornato o di un immancabile dolce alla cannella.

Skansen, Stoccolma, Svezia, Agosto 2008

Continuando a camminare tra le stradine del museo, rigorosamente senza cartina per perderci meglio, siamo sbucati di fronte allo zoo nordico.
Qui, guarda un po', c'è la possibilità di vedere le specie animali autoctone svedesi. Purtroppo, come in ogni zoo, le bestiole vengono tenute in gabbie e si possono ammirare solo da dietro le barriere.
Se non avrete la fortuna di vedere alci, renne, orsi, ghiottoni o cinghiali allo stato brado il parco vi darà la possibilità di ammirarli da molto vicino nel loro habitat naturale.
Per chi verrà a contatto con un alce per la prima volta forse rimarrà di sasso come noi; non immaginavamo che le loro gambe potessero superarci in altezza. 
Se avrete momenti di stordimento tra storia e animali nordici e vi capiterà di chiamare l'orso bruno “ORSO BALOooSSOooo!!?” (come noi) non vi preoccupate va tutto bene, siete solo ammaliati dai profumi, i colori e i sorrisi.

Skansen, Stoccolma, Svezia, Agosto 2008

In un museo scandinavo non possono mancare dei riferimenti alla cultura sami e infatti proseguendo nel cammino è impossibile evitare l'accampamento con 46 costruzioni tipiche delle aree rurali svedesi.

Solitamente non andiamo matti per i musei storici, ma questo fatichiamo a dimenticarlo perché ci ha permesso veramente di entrare a contatto con la tradizione svedese. Ovvio, le persone che rendono vivo lo Skansen stanno solo ricreando una situazione storica, ma crediamo che sia più efficacie e immediato comprendere una cultura in questo modo piuttosto che osservando degli oggetti riposti su uno scaffale illuminato.

Skansen, Stoccolma, Svezia, Agosto 2008


♂ ♀ WYW

14 commenti:

  1. I luoghi come Skansen rendono vivo un passato che poi ti conquista. Vero? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! abbiamo passato una giornata splendida allo Skansen... la Svezia ci aveva già conquistati e dopo essere stati qui abbiamo capito che era vero amore.
      é bello sapere che anche altre persone abbiano apprezzato questo museo! Grazie Giovy

      Elimina
  2. Che bello! A Oslo ho visto qualcosa di simile, mi piacciono molto questo genere di esperienze.
    Prima o poi riuscirò ad andare a Stoccolma!
    Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh si!! Noi non siamo riusciti a vedere quello di Oslo perché pioveva molto forte e non era il momento ideale per goderselo..
      Stoccolma è una splendida città...e non solo per lo Skansen.
      Questo tipo di musei sono molto più piacevoli e divertenti...ci si può passare una giornata intera senza annoiarsi!

      Elimina
  3. Una meraviglia nelle meraviglie...quanto vorrei poter visitare questo luogo fiabesco!!!
    Mai dire mai , vero?
    Sarei felice tu ti iscrivessi al mio blog http://rockmusicspace.blogspot.it/, ti avrei sempre sott'occhi e chissà quanti viaggi , almeno con la fantasia , potrei fare!
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! mai dire mai! Non si sa mai che un giorno bazzicherai dalle parti di Stoccolma e avrai anche questa occasione. Grazie per aver lasciato il tuo contributo!

      Elimina
  4. Io in Svezia non ci sono mai stata.
    Segno in agenda. Chissà mai.
    Ho visto un museo simile a Louisbourg in Nova Scotia Canada,
    una specie di ricostruzione di come vivevano i francesi appena arrivati in quella terra. Le donne sfornavano biscotti fumanti, buonissimi.
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellezza!!! i biscotti fumanti mi sa che sono una caratteristica comune di questi musei!!
      Il concetto è lo stesso di quello di Louisbourg...chissà che bello che è anche quello!!!
      Si si non farti sfuggire la Svezia...è un paese magnifico!!

      Elimina
  5. Wow.. Scene di un tempo. Fantastico !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto consigliato soprattutto per la tua bimba che si divertirà a guardare le altissime alci. ;)

      Elimina
  6. che bello! ho visto qualcosa di simile in Danimarca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero! non ricordo come si chiama ma avevo letto qualcosa anch'io su un museo simile in Danimarca! Bellissimi!!!!

      Elimina
  7. Bellissimo, proprio come il villaggio di Cregneash sull'Isola di Man... Queste iniziative sono fantastiche, ho visitato alcuni musei "interattivi" e sicuramente catturano più l'attenzione, e spiegano di più, che una serie di pezzi esposti. Peccato a Stoccolma non lo ho potuto vedere, spero di tornarci. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione! In questo modo passano molte più informazioni e poi si può passare anche l'intera giornata all'interno.
      Visto che sei già un esperto di musei all'aperto non puoi perderti questo. Ti piacerà sicuramente!

      Elimina

Hai voglia di dire la tua agli amici WYW?
Lascia un commento nella casella qua sopra.
Dopo aver scritto ti basterà aprire la tendina che trovi dopo "commenta come".
Se non hai un account google, potrai scegliere tra due opzioni:
-Nome/Url: dove basterà compilare lo spazio inserendo il tuo nome
-Anonimo
Infine premi pubblica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...