Where is WYW

giovedì 11 ottobre 2012

Recensione | Un indovino mi disse


Titolo: Un indovino mi disse
Autori: Tiziano Terzani
Casa Editrice: Tea
Edizione: 2008



Un indovino mi disse” si struttura come un racconto di viaggio vero e proprio diverso da “Fantasmi” o “Racconti dall'Asia” che divengono quasi una raccolta di articoli giornalistici. Troviamo un Terzani che si mette a nudo che si svela in questo viaggio tirando delle somme finali. 

Il libro è il prodotto scritto di un'avventura avvenuta grazie alla predizione di un indovino di Hong Kong.
Che sedici anni prima disse a Tiziano “Attento! Nel 1993 corri un grande rischio, non volare” . Dopo tutti gli anni che passarono, Tiziano non dimenticò le parole dell'indovino. Non tanto per credenza ne per scaramanzia, fu un semplice pretesto per aprire gli occhi un po' assopiti dalle comodità e dai confort dei tempi brevi e sicuri degli aerei.

Una decisione sofferta, presa da una persona che si divide tra giornalismo e moralità. Finalmente prende la via che va incontro la predizione dell'indovino “Una buona occasione nella vita si presenta sempre. Il problema è saperla riconoscere e a volte non è facile.”
Presa la palla al balzo le gambe si rimettono in moto e con essa “gli altri sensi si affinano”. Sensi ormai persi dall'uso del confort della sterilità aeroportuale si riattivano sulle assi di legno delle cuccette dei treni, sui sedili sgangherati dei bus o delle gip. La mente riprende confidenza con la geografia delle mappe e il cervello cerca soluzioni tra coincidenze e cambi dei treni, tra climi e lingue, tra burocrazia e visti via terra. Trovata la soluzione per continuare il suo lavoro, già alla fine del primo capitolo avrete una rivelazione scioccante sulla sorte del suo sostituto giornalista tedesco, crederci o meno è un vostro diritto, sono punti di vista e credenze. Come capirete nel leggere questo magnifico libro, non è tanto una questione di magia, ma mentalità e tradizione.

Sta di fatto che Tiziano riscopre il piacere di viaggiare, di scoprire i popoli nella loro quotidianità; riacquisire le distanze, rende il tutto molto più avventuroso. Il sentirsi un pioniere continuo rende più divertente e faticoso il suo lavoro. Un anno in cui deciderà di registrare diverse predizioni e profezie da diversi indovini talvolta prendendosi gioco anche di essi facendo finta di essere nato in altre date. Entrerete in un mondo curioso, misterioso che farà sorgere domande bizzarre anche ai più scettici.

Un libro che scopre diversi argomenti. Dagli indovini si arriva a parlare di globalizzazione, il tutto grazie un grande filo rosso che collega argomenti tanto cari all'autore. Vi verrà voglia di partire per non perdere l'Asia antica e nello stesso tempo avrete l'ansia che questa Asia popolare e tradizionale sia ormai persa. 

Voto: 9/10

♀ WYW 

10 commenti:

  1. Uno dei miei libri preferiti... Ancora resto incredula a pensare al suo destino, così legato a quella profezia .
    Bellissimo post. Mi sono appena collegata e sono precipitata qui vedendo il titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ci sono rimasta proprio ti dico la verità! Uno dei libri più belli anche per me, mi ha insegnato tantissimo :) Ti ringrazio per i complimenti sei gentilissima :)

      Elimina
  2. Di Terzani ho letto con gusto "La Porta Proibita" proprio perché ero in partenza la Cina e ci stava tutto.
    Ammiro moltissimo quell'uomo.

    RispondiElimina
  3. Con la sua scrittura riesce a rendere perfettamente l'idea di quella che ha vissuto! Uno dei migliori scrittori di viaggi/corrispondenti di guerra di sempre!
    Riesce anche ad emozionare...penso che quando uno scrittore riesca a fare ciò sia riuscito a fare il suo lavoro alla perfezione.

    RispondiElimina
  4. Un libro che dovrò assolutamente leggere avendo origini Asiatici molto forti. Grazie per questo post! Un bacio, Nadine.

    RispondiElimina
  5. Se deciderai di leggerlo sappi che vai sul sicuro. Non ti deluderà! Terzani ha saputo esprimere al meglio l'essenza dei paesi che ha visitato.
    Grazie a te per essere passata!

    RispondiElimina
  6. ...ogni mio commento d'ammirazione è ovviamente superfluo. Ho scoperto Terzani solo dopo il mio "sbarco" in Thailandia... profondo conoscitore privilegiato di un'Asia che scompare inevitabilmente giorno dopo giorno...

    RispondiElimina
  7. Splendido scrittore che con le sue parole è riuscito a farci "vivere" l'Asia come se ci fossimo stati davvero.

    RispondiElimina
  8. “Una buona occasione nella vita si presenta sempre. Il problema è saperla riconoscere e a volte non è facile.”
    E' una delle mie frasi preferite, me la porto sempre appresso.
    Da terzanista (si dice?? Massì!) convinta, non posso che apprezzare questo post e condividerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si dai... se non esiste lo coniamo noi!
      Grazie mille per il tuo commento...Terzani ha scritto talmente tante frasi da ricordare che ci vorrebbe un libro solo per quelle.
      Quell'uomo ha detto detto grande verità!!

      Elimina

Hai voglia di dire la tua agli amici WYW?
Lascia un commento nella casella qua sopra.
Dopo aver scritto ti basterà aprire la tendina che trovi dopo "commenta come".
Se non hai un account google, potrai scegliere tra due opzioni:
-Nome/Url: dove basterà compilare lo spazio inserendo il tuo nome
-Anonimo
Infine premi pubblica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...