Where is WYW

lunedì 21 maggio 2012

Non è tutto oro quel che luccica!!



Chi non vorrebbe arrivare a New York e chiamare, con la mano alzata, uno dei famosissimi taxi giallo canarino come fanno i divi dei film americani?





Tante persone all’arrivo nella grande mela sperimentano questa esperienza per rendersi conto del reale funzionamento di questa “tecnica”.
Ma quante di queste sono consapevoli del fatto che di li a poco inizierà per loro un’avventura sconsigliabile ai deboli di cuore?
Posso confermare che basta davvero poco per attirare l’attenzione delle celeberrime vetture gialle; ce ne sono talmente tante che non servirà nemmeno stendere completamente il braccio per vedersene affiancare una.


Tralasciamo il fatto che iL primo autista accorso alla nostra chiamata si rifiutò di portarci a destinazione forse spaventato dal fatto che si sarebbe dovuto avventurare al di fuori di Manhattan; infatti per arrivare a Brooklyn dalla Pennsylvania station (che è situata nel cuore di Manhattan) occorre lasciare l’isola.


Il secondo autista, decisamente più intraprendente, non esitò un attimo e ci invitò a sederci sui sedili posteriori del suo “cub” luccicante.
In un batter d’occhio ci ritrovammo catapultati nel traffico di New York nel quale si poteva distinguere chiaramente solo un colore: il giallo dei taxi.
L’uomo alla guida era senza dubbio un esperto del traffico newyorkese, infatti non si registrò nessuna esitazione a sfrecciare a pochi centimetri dalle altre vetture a elevata velocità.

NY, USA, Agosto 2011

La segnaletica non è altro che un elemento di design che abbellisce il triste cemento della città (un po’ come gli addobbi natalizi) e non viene particolarmente rispettata.
Il sorpasso a destra, invece, rappresenta la specialità di casa: non esiste street o avenue che possa ostacolare questa abitudine.
L’unica motivazione che spinse l’autista a pigiare “il pedale che sta al centro” fu il semaforo, l’unica vera barriera insormontabile. La luce rossa si presentò come una benedizione per noi che stavamo trattenendo il fiato da qualche minuto afferrando con tutte le forze la maniglia della portiera.
La stessa cosa non si può dire per i pedoni. State pur certi che se un taxi incontra sul suo cammino un pedone che non ha rispettato il semaforo, non lo reputerà un buon motivo per rallentare ma, al contrario, (con questo non vorrei generalizzare ma nel nostro caso fu così) un’ottima occasione per accelerare.
Come se velocità, infrazioni e slalom non bastassero, il nostro simpatico autista (lo era sul serio) intraprese, al ritmo della musica reggae che stava ascoltando, una gara clandestina con un pick-up che stava percorrendo la stessa strada.
Con questo si intende un rettilineo da semaforo a semaforo a tutta velocità disinteressandosi di tutto ciò che stava tra la partenza e l’arrivo. Il rombo del motore con la macchina ferma fu il segnale con cui il nostro autista accettò la sfida.
Per nostra fortuna sul nostro tragitto non incontrammo ostacoli e la cosa ci permise di terminare la gara illesi.
Al termine di questa competizione i due, divertiti, si sono salutati con un gesto e hanno proseguito per la loro strada che nel nostro caso si è conclusa al NY Loft Hostel.


In tutto questo esiste di sicuro un aspetto positivo: il tempo di percorrenza! Il tutto è successo in circa 30 minuti. Personalmente penso che avrei impiegato almeno 1 ora per completare il tragitto.
Uno splendido modo per essere accolti nella “città che non dorme mai”. 
 WYW

4 commenti:

  1. ihihih!!!!!!almeno potete dire di aver provato di tutto in questo viaggio nel così detto nuovo mondo....mamma mia io mi sarei cagata addosso!!!!la cosa positiva è che vi ha fatto risparmiare nel pagamento!!!!!

    RispondiElimina
  2. ahahah si lui.....ci è andata male con il secondo....che non sapeva l'inglese...ottimo :)

    RispondiElimina
  3. Il brivido dei taxi di NYC va provato. Teniamoci forte, questo era il primo pensiero appena salivo! Ma i taxi gialli sono un vero simbolo della città. Tornata a casa mi sono accorta di averne fotografati un sacco! I love NYC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo!! bisogna tenersi aggrappati forte perchè è come salire su una giostra, si viene sballottati qua e la!
      è vero sono un vero e proprio simbolo e sono ovunque ma incredibilmente noi abbiamo pochissime foto dei taxi!
      Non chiedermi come abbiamo fatto perchè è più difficile evitarli che fotografarli!

      Elimina

Hai voglia di dire la tua agli amici WYW?
Lascia un commento nella casella qua sopra.
Dopo aver scritto ti basterà aprire la tendina che trovi dopo "commenta come".
Se non hai un account google, potrai scegliere tra due opzioni:
-Nome/Url: dove basterà compilare lo spazio inserendo il tuo nome
-Anonimo
Infine premi pubblica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...